TREKKING

La Via degli Dei ......Da Bologna a Firenze a piedi

La Via degli Dei è un’esperienza da vivere, e perché no, da condividere.
  Se stai pensando di partire ma non sai con chi farlo, se vorresti avere una guida esperta per tutte le curiosità che potresti incontrare o semplicemente se ti piacerebbe conoscere nuove persone lungo la via degli dei, partecipa ad uno dei trekking di gruppo, organizzati da: 

Appennino Slow Tel. 3791528959 - 3398283383 - info@appenninoslow.it   

 

Anche quest'anno avrò il piacere di accompagnarvi alla scoperta di questo famoso percorso tra Bologna e Firenze, facendovi scoprire la bellezza del nostro Appennino. Ogni tappa ha le sue perle, ognuna unica e da assaporare con passo leggero senza fretta, come dire slow!   1° Tappa Bologna - Badolo Dal Nettuno in piazza Maggiore, attraversando il cuore della città dalle 100 torri e dal portico più lungo del mondo, quello che conduce al Santuario di S. Luca, per arrivare a Badolo, nella Riserva Naturale del Contrafforte Pliocenico.   2° Tappa Badolo - Madonna dei Fornelli La salita a Monte Adone è come salire in cima al mondo e tu sei lì ad ammirarlo ai tuoi piedi (90 metri di parete a strapiombo....per chi non soffre di vertigini). Brento, Monzuno sono paesi che raccontano come queste terre siano sempre state vissute dall'uomo, fin dall'antichità. Nei loro negozi si acquistano i prodotti locali, da gustare durante il cammino. Madonna dei Fornelli è la meta di una lunga giornata di cammino, sul crinale, da cui lo sguardo si perde all'infinito, facendoci sorprendere vedendo da dove siamo partiti.   3° Tappa Madonna dei Fornelli - Monte di Fo' Dall'Emilia Romagna alla Toscana, salendo tra i boschi di Monte dei Cucchi e Monte Bastione, per scoprire l'antica strada romana con i suoi stupendi tratti, perfettamente conservati dopo 2000 anni. Attraversare il confine è come essere a metà dell'opera. La salità non è finita, ma la discesa ha inizio. Passo della Futa e il Cimitero Germanico ci toccano il cuore e la memoria come pochi altri luoghi.   4° Tappa Monte di Fo' - S. Piero a Sieve Salire a Monte Gazzaro non è per tutti, ma anche senza toccare la sua croce il paesaggio è spettacolare. Ci lasciamo, progressivamente, alle spalle i rilievi dell'Emilia Romagna per addentrarci nelle colline Toscane. Entrare a S. Agata del Mugello è essere come un cavalliere che torna nel suo maniero per una gustosa siesta nell'osteria. Laggiù in basso le acque del lago del Bilancino ci ricordano la direzione per Firenze  per S. Piero a Sieve, con i suoi palazzi e l'imponente rocca.   5° Tappa S. Piero a Sieve - Firenze Dopo tanti chilometri, tante salite e discese, l'ultimo giorno è una sfida da vincere ad ogni costo! La salita del Castello del Trebbio, quelle del Buon Sollazzo e di Monte Senario e infine quella di Poggio Pratone mettono a dura prova le gambe di ogni camminatore, ma la meta è lì davanti a noi. Fiesole con la sua torre civica e il suo terrazzo panoramico su Firenze. Arrivare a Firenze, zaino in spalla è come tornare nella civiltà, tra vetrine e turisti di ogni colore e cultura.Le foto ricordo davanti a Palazzo Vecchio, in Piazza della Signoria e al Nettuno sono un rito!    La Via degli Dei - da Nettuno a Nettuno - da Bologna a Firenze, non è solo un trekking, non è solo un cammino, non è solo un viaggio in un mondo passato, non è solo un viaggio nella gastronomia tosco emiliana, non è solo 130 km su e giù per l'Appennino. E' tutto questo in una grande emozione! Quella che proverete in questi giorni di cammino e che vi resterà sempre nel cuore.   Buon cammino.    

I trekking 2022

Se desiderate provare il piacere di un cammino di più giorni, accompagnati da una Guida Ambientale Escursionistica, usufruendo degli esclusivi servizi di Appennino Slow, ecco a voi le date al momento programmate: 

 

 

 
TREKKING/ITINERARIO DATA partenza  NOTTI GIORNI    
La Via del Gesso mercoledì 16 marzo 2022 4 5    
Via degli Dei over 50 lunedì 11 aprile 2022 6 7    
Via degli Dei mercoledì 1 giugno 2022 4 5    
Via degli Dei  martedì 2 agosto 2022 5 6    
Via degli Dei martedì 23 agosto 2022 5 6    
Via degli Dei - Foliage giovedì 27 ottobre 2022 5 6

La Via del Gesso

Un nuovo cammino, nato nel 2021, grazie all'Ente Parchi e Biodiversità Romagna, al lavoro dei suoi dipendenti, funzionari e collaboratori, alle Guide Escursionistiche e Speleologiche, ai gestori delle strutture ricettive, alla passione dei volontari del CAI e delle Proloco.

Un cammino che unisce, con un itinerario lungo 70 km, due città famose nel mondo:

Imola, con il suo circuito che ospita la Formula 1, ma anche città storica con la Rocca Sforzesca e i suoi canali.

Faenza, città d'arte e della ceramica, nota a Dante Alighieri, che nella Divina Commedia narrà le gesti di uomini che hanno fatto la storia di questo luogo bellissimo.

Nel mezzo la lunga dorsale d'argento, della Vena del Gesso Romagnola, con le sue pareti cristalline, le doline, le grotte e un territorio ricco di biodiversità.

Un patrimonio geologico unico al mondo e candidato al riconoscimento Unesco come patrimonio mondiale dell'umaità.

Percorrere questo territorio lungo il cammino della Via del Gesso è una esperienza bellissima, che richiede il giusto tempo per godere al pieno di tutto quello che c'è da vedere, conoscere, assaporare.

Dal 16 al 20 marzo, con l'organizzazione di Appennino Slow, vi propongo di partecipare a questo cammino.

5 giorni e 4 notti, dormendo in strutture locali, accoglienti e organizzate, assoparando i prodotti romagnoli e incontrando persone che hanno nel cuore l'amore per la propria terra.

1° Giorno 

Dalla Stazione FS di Imola fino a Borgo Tossignao, lungo la nuova cilabile del Santerno.

2° Giorno

Da Borgo Tossignano a Borgo Rivola, lungo la Vena del Gesso, camminando sulla Riva di S. Biagio e visitando la Grotta del Re Tiberio e il Museo del Carsismo.

3° Giorno

Da Borgo Rivola a Brisighella, toccando la sommità di Monte Mauro, la cima più alta del Parco, percorrendo il sentiero dei Cristalli, con le cave di Lapis Specularis e passando dal Rifugio Carnè, cuore del Parco della Vena del Gesso Romagnola.

4° Giorno

Brisighella, uno dei borghi medioevali più belli d'Italia, con la Rocca Manfrediana, la Torre dell'Orologio e il Mueso Geologico all'aperto del Monticino. Degustando i prodotti gastronomici, come l'olio d'oliva DOP, i salumi di Mora Romagnola, i Vini DOC.

5° Giorno

Si arriva a Faenza, percorrendo il panoramico e famoso Sentiero 505, tra calanchi e coltivi, scendendo dolcemente fino al cuore della città, Piazza del Popolo.

Per info e prenotazione: Appennino Slow 

Tel. 379 1528959 - 379 1497965 (Lun - Ven. 09:30 - 13.00 | 15:00 - 18:30)

info@appenninoslow.it 

https://www.appenninoslow.it/via-del-gesso

 

Equipaggiamento trekking

Partecipare ad un trekking comporta prepararsi lo zaino con tutto il necessario e nulla di superfluo.

Maggiore sarà il numero di giorni di cammino maggiore è la tendenza a riempire lo zaino. Il rischio è che alla fine lo zaino diventi un peso insopportabile invece di una risorsa indispensabile.

Personalmente trovo molto utile pesare ogni singola cosa che ho intenzione portarmi, per poi fare il conto complessivo e quindi capire dove posso risparmiare peso.

L'obiettivo che dobbiamo avere è quello di avere uno zaino che non superi i 12-15 chili per gli uomini allenati e robusti e i 10 chili per le donne.

Nel file allegato alcuni consigli sull'equipaggiamento per i trekking.